N°759 Classic TECNOSPORT

LUCIANO CARCHERI

(ita) 1.74m / 72kg

Loisirs

Tutto quello che è motorsport, e-bike (gare ed escursioni)

Sponsors

COSTA LIGURE / LEONESSA / FAD ASSALI / FREEM / BARDAHL / ANDREANI OHLINS / TECNOSPORT / SQUADRA CORSE ANGELO CAFFI / BICICLANDO TEAM / MONSTER GRAFICA.

2021: Dakar Classic: 1° nella classe H2.8 e 7° assoluti
2002: Moto: 37° classifica assoluta – 3° della categoria Marathon
2001: Moto: 37° classifica assoluta – 4° della categoria Marathon
2000: Moto: 1° pilota Italiano – 35° nella classifica assoluta
1998: Auto: 40° nella classifica assoluta
1997: Moto: DNF (abbandono alla tappa 8)
1996: Moto: 30° classifica assoluta
1995: Moto: 3° nella categoria prototipi – 20° nella classifica assoluta
1992: Moto: DNF (abbandono alla tappa 7)

2017: 3° Classificato Campionato Nascar Euro Series su Toyota
2016: 10° GRAND PRIX MONACO HISTORIQUE su Taraschi
1 Campionato del Mondo Rally Raid TT Rally of Marocco
1 Campionato del Mondo Rally Raid TT Rally dei Faraoni
2 Campionati del Mondo Rally Raid TT Rally Tunisia
Rally Tunisia 1995: 2° piloti Italiani – 9° classifica assoluta
Incas Rally Lima/Rio de Janeiro 1990: 12° classifica assoluta
Campione italiano motoslitte 1990
Campione Italiano Enduro a squadre
Campione Italiano Super Enduro Bike
Motoslitte Team Italia: Campionato Europeo 1990-1991

Interview

“Sarà la mia decima Dakar”

La storia di passione tra Luciano Carcheri e la Dakar ebbe inizio nel 1992 quando debuttò come motociclista, inaugurando una serie di 8 partecipazioni, tutte in Africa. Sono passati 31 anni dalla sua prima partecipazione e per questa edizione 2022 Carcheri dividerà l’abitacolo con la campionessa Italiana Cross Country Rally, Giulia Maroni. L’obiettivo e quello di migliorare il 7° posto assoluto conquistato nella prima edizione della Dakar Classic 2021. L’auto utilizzata sarà ancora una Nissan, ma per questa edizione verrà utilizzata una Terrano 1 molto più leggera della Nissan Patrol utilizzata lo scorso anno, e come per l’edizione sorsa porterà i colori della Squadra Corse Angelo Caffi. L’auto è stata preparata dal Team Tecnosport, team di riferimento nel mondo della Dakar , il quale fornirà l’assistenza per la gara. Carcheri ha iniziato nelle corse con le moto enduro conquistando un Campionato Italiano a Squadre, mentre poi si è distinto con le motoslitte con la vittoria di un campionato Italiano che gli ha dato l’accesso al Motoslitte Team Italia, con il quale ha partecipato al Campionato Europeo 1990 e 1991 in Scandinavia. È approdato ai rally raid già nel 1990 partecipando alla Lima-Rio de Janeiro, il prestigioso Incas Rally, giungendo dodicesimo assoluto. Nel 1995 è giunto nono assoluto e secondo degli italiani al Rally di Tunisia. Debutta alla Dakar nel 1992 e nel '95 chiude ventesimo assoluto e terzo tra i prototipi (moto), poi nel 2000 alla Dakar Cairo è primo degli Italiani. Ha partecipato anche al Rally Raid TT Rally Tunisia e ha conquistato sia il Rally del Marocco che il Rally dei Faraoni, in quell'occasione con isuzu d-max e Mitsubishi Pajero. Con il team Caffi Motorsport ha debuttato in pista nel 2017 con la Ford Mustang nel campionato Europeo Nascar Euro Series conquistando il 3° posto nella categoria Elite Club, mentre nel 2016 ha corso sul circuito del Principato di Monaco il “ Gran Prix Monaco Historique con la monoposto Taraschi formula Junior.”

L.C.: “Ho tanti ricordi delle mie 8 edizioni: se chiudo gli occhi rivedo le piste che ho percorso in moto, rivedo le dune, le notti insonni, il fango delle giornate di pioggia, la polvere di quelle assolate. Risento ogni rumore, ogni dettaglio. È una gara che ti entra sottopelle, e anche se passano gli anni non riesci certo a dimenticarla…..”

G.M.: “Per me questa Dakar 2022 è un po’ un’incognita perché ne ho vista una ma come organizzazione, non da partecipante. Ho molta esperienza nei Rally Cross Country, quindi so di esser capace di navigare bene, ma da quello che mi ha raccontato chi l’ha fatta nel 2021 la Classic ha una navigazione molto particolare, molto più vicina alla regolarità che all’orientamento puro. In questo senso è bello perché è un po’ come essere un po’ più partecipi della performance di guida, perché il pilota dipende molto dalle note e dai conti dei tempi, devi arrivare alle note preciso al secondo e sei tu a guidarlo. Questo mi stimola molto, dovrò faticare magari un po’ per prenderci la mano ma tutti quelli con cui ho parlato mi hanno confermato che è un “meccanismo mentale” che si attiva da solo appena salti in auto e fai le prime tappe.”

Véhicule

TECNOSPORT

NISSAN TERRANO 1
TECNOSPORT

  • NISSAN
  • TERRANO 1
  • Tecnosport
  • Team Tecnosport
  • nne intermédiaire 86-97

Classement 2022

Suivez-nous

Recevez des informations exclusives